Accedi al sito
Serve aiuto?

Progetti » Completati » Scuole » Cusago 2013 Anche io sono la Protezione Civile

 

Il progetto "Anch'io sono la protezione civile"


L’idea Il progetto “Anch’io sono la protezione civile” nasce nel 2007, anno in cui il Dipartimento della Protezione Civile decide di potenziare le attività di promozione della cultura di protezione civile e di prevenzione degli incendi boschivi, coinvolgendo le giovani generazioni in attività di formazione ed esercitazione.
A chi si rivolge Il progetto, che si propone di diffondere tra i giovani di età compresa fra i 10 e i 15 anni la cultura del rispetto del territorio e la conoscenza delle attività di protezione civile, individua negli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado il proprio target di riferimento.
Gli obiettivi
 Contribuire alla tutela del patrimonio boschivo e naturalistico, della vita umana e alla riduzione dei danni provocati da incendi boschivi.
 Contribuire alla prevenzione dei rischi in genere
 Favorire la conoscenza dei compiti del Servizio Nazionale della Protezione Civile.
 Agevolare la crescita delle responsabilità delle amministrazioni locali che devono redigere i piani di protezione civile comunali.
Le aree tematiche In particolare, il progetto si articola su tre aree tematiche:
 Area antincendio boschivo
 Area sistema nazionale della protezione civile
 Area piani di protezione civile
La metodologia didattica I giovani sono coinvolti in attività esplorative, di ricerca e di esercitazione.

Descrizione Progetto
Progetto di formazione per diffondere la cultura di protezione civile, coinvolge docenti ed alunni sui temi del rischio incidenti domestici, dei rischi del territorio, del rischio tecnologico, del panico e del primo soccorso, delle norme di comportamento, e delle comunicazioni alternative in caso di emergenza.
Per fare acquisire agli alunni la piena consapevolezza di problematiche di ampia rilevanza sociale nonché la valenza educativa sostanziale e prioritaria delle tematiche in questione e dei conseguenti comportamenti che nel presente e soprattutto nel futuro, si troveranno in concreto ad adottare.
In questo ambito formuliamo a Voi la proposta per il conseguimento della formazione alla prevenzione in ambito di Protezione Civile da attuarsi presso l’Istituto Comprensivo “EINAUDI / PASCOLI” di Cusago nei giorni 10-11 maggio 2013 con attendamento nel parco retrostante.
Il programma formativo di Protezione Civile che propone il gruppo di Volontari di Opera può essere senz'altro riassunto in questi elementi:
 Realizzare un pacchetto formativo (attività, schede, audiovisivi, giochi ........ );
 Far emergere nelle Scuole l'attenzione sulle problematiche relative ai rischi e sui comportamenti legati all'attività di protezione civile in chiave di informazione e prevenzione.
Motivazioni
L'attenzione suscitata per la Protezione Civile e una maturata sensibilità ai temi della salvaguardia del territorio e dell'ambiente, richiedono iniziative di natura sociale e didattica finalizzate a diffondere la cultura della prevenzione e ad orientare i comportamenti per la tutela della persona in caso di emergenza.
Finalità
 Creare una rete di collegamento tra Scuola ed Istituzioni proposte alle attività di protezione civile per promuovere e sostenere percorsi didattici finalizzati alla tutela dell'uomo e del|'ambiente con particolare riferimento ai rischi del territorio;
 Individuare uno standard minimo comune per possibili interventi didattici.
Soggetti coinvolti
 Ragazzi/e di classe 5a elementare e di 1a media, totale n. 50 presenze;
 Docenti
 Genitori;
 Volontari di Protezione civile fra cui due Medici;
 Polizia Locale
 CRI
 Altri Enti;

Mezzi e materiali
Materiale didattico e logistico (tende, brandine ecc.) messo a disposizione dall’Associazione Volontari Protezione Civile di Opera;
Pullman per trasferimento dei ragazzi/e all’Idroscalo di Milano;
Disponibilità del Centro produzione pasti per l’erogazione anche di merende e generi di conforto.
Articolazione del progetto
Il progetto è articolato in cinque momenti:
Il primo prevede il coinvolgimento preliminare del corpo docenti e la presentazione dell'iniziativa alla cittadinanza, in particolare alle famiglie degli alunni coinvolti.
Il secondo teorico è demandato ad un esperto del Gruppo di Protezione Civile. Questa fase teorica può essere svolta in una o più lezioni rivolta principalmente ai docenti.
Il terzo prevede un incontro degli alunni, suddivisi per classi con il gruppo di protezione civile sul tema dei rischi e della prevenzione, quindi simulare evacuazioni.
Il quarto prevede la simulazione/esercitazione di un evento calamitoso con il coinvolgimento, degli alunni che dovranno cimentarsi nell’allestimento di una tendopoli e nella creazione di un centro comando.
Il quinto prevede la trasferta presso l’Idroscalo di Milano dove il Nucleo Sommozzatori e Soccorso in Acqua di Protezione Civile “Silvano Rossi” di Segrate effettuerà formazione e interventi-dimostrativi di soccorso in acqua.
Compiti dei soggetti coinvolti, Enti da individuare
I Responsabili del Gruppo di protezione civile.
1. Concordano i modi e i tempi per la messa a disposizione di uno o più esperti con il compito di svolgere le lezioni;
2. Supportano, ove necessario, le attività didattiche rivolte agli alunni anche attraverso la predisposizione di ausili didattici;
3. Coordinano il progetto nel suo complesso avvalendosi di un gruppo di lavoro composto dai rappresentanti di tutti i soggetti coinvolti.
Insegnanti
Preparano i ragazzi alle varie fasi del progetto;
Collaborano con i tecnici e volontari di Protezione Civile.
Volontari
Presentano il mondo del volontariato e il suo ruolo nel sistema di protezione civile;
Operano in funzione di un efficace raccordo con gli Enti e con la Scuola;
Concordano il calendario degli incontri;
Prendono accordi dettagliati in funzione della visita guidata;
Accompagnano gli alunni durante la visita guidata;
Partecipano all'eventuale esercitazione/dimostrazione finale.

Sviluppo Temporale del Progetto
 incontro con le insegnanti referenti del progetto per la stesura del
materiale informativo (manifesto, comunicati, ecc.);
 incontro con gli insegnanti per la verifica del numero alunni partecipanti al|’esercitazione;
 presentazione del progetto ai genitori e alla cittadinanza;
 Incontro con gli alunni coinvolti;
SCOPO
Sollecitare l’apprendimento negli alunni, dei rudimenti di Protezione Civile
OBIETTIVI
Promuovere lo spirito civico, la prevenzione individuale e la conoscenza dei rischi del territorio
PROMOTORI PROGETTO
Vincenzo Dongiovanni Responsabile A. V. P. C. di Opera
Dottoressa Luisella Schivardi Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo
“EINAUDI / PASCOLI” di MILANO
TUTOR
Dottor Mauro Rognoni Medico, (Volontario di A.V.P.C. di Opera)
Dottor Franco Dionigi Medico, (Volontario di A.V.P.C. di Opera)
RESPONSABILI DI PROGETTO
Dottoressa Luisella Schivardi Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo
“EINAUDI / PASCOLI” di MILANO
Vincenzo Dongiovanni Responsabile Volontari Protezione Civile di Opera
INSEGNANTI REFERENTI
Aclud Nella
Antelli Andreina
Bianchi Veronica
Cairati Ester
Fiorini Federico
Lanfranca Giuseppe
Stefanelli Rita
Raneri Fania